Gengive gonfie: perché si gonfiano, come curarle

Le gengive gonfie sono un problema piuttosto comune, che può però evolversi in una condizione grave per la salute della bocca. Vediamo assieme quali sono i motivi che causano il gonfiore alle gengive ed i miei semplici consigli di prevenzione e cura.

COME SONO FATTE LE GENGIVE

Le gengive sono importanti per la tua salute. Le gengive sono costituite di una mucosa rosa che va a coprire l’interno della bocca. I denti sono infilati nell’osso e le gengive hanno il ruolo di protezione e di copertura nel foderare la zona di giunzione tra il dente e l’osso, si tratta di una copertura obbligatoria, volendo fare una analogia è come se si volesse utilizzare un materasso completo, senza l’utilizzo del rivestimento esterno che lo tiene assieme.

Esistono due tipi di gengive: la gengiva libera e la gengiva aderente, il loro scopo è quello di ricoprire e proteggere sia l’osso che tiene i denti che la giunzione del dente nell’osso.

Gengiva libera

La gengiva libera oltre a coprire e proteggere ha anche la funzione di ammortizzamento del dente, esistono delle vere e proprie fibre naturali con la funzione di tenere unito e ammortizzare il dente sull’osso, sono quelle che permettono di ridurre i traumi in fase di masticazione.

Gengiva aderente

La gengiva aderente si trova subito sotto la gengiva libera ed arriva fino alla linea muco gengivale e si espande per qualche millimetro, ha il ruolo di ricoprire l’osso. La si distingue perché se in salute dovrebbe essere di colore roseo, esistono comunque alcune variazioni legate alla razza.

Tutte le gengive nella bocca sono caratterizzate da un continuo ricambio che consente una parte di guarigione autonoma.

Quando le gengive si gonfiano, possono sporgere, sanguinare e fare male. Le gengive possono diventare così gonfie da arrivare a coprire i denti, anche se spesso questa condizione è associata ad altre cause. Le gengive gonfie appaiono rosse al posto del loro normale colore rosa.

GENGIVE GONFIE CAUSE

Quando il tartaro si deposita tra dente e gengiva può far sì che la gengiva si stacchi dal dente ed il solco gengivale che prima è piccolo (1-2 millimetri), aumenta di profondità e forma una tasca gengivale che può arrivare fino a 9 millimetri.

Spesso le gengive sanguinano per il tartaro che le irrita ma in qualche caso possono essere il sintomo di malattie gravi.

Di seguito i modi in cui si manifestano i problemi alle gengive.

La gengiva può essere:

-       Gengiva gonfia

-       Gengiva arrossata

-       Gengiva sanguinante

-       Gengiva dolorante

-       Gengiva che emana cattivo odore

-       Gengiva infiammata

-       Gengiva ritirata

 Gengivite

La gengivite è la causa più comune di gengive gonfie, in questo caso si ha irritazione, gonfiore e sanguinamento delle gengive e i sintomi possono essere abbastanza lievi. Tuttavia, se non trattata, la gengivite può portare a una condizione molto più grave chiamata malattia parodontale e possibile perdita dei denti.

La gengivite è spesso il risultato di una scarsa igiene orale, che consente alla placca di accumularsi sulla linea gengivale e sui denti. La placca è un film composto da batteri e particelle di cibo depositati sui denti nel tempo. Se la placca rimane sui denti per più di qualche giorno si calcifica e diventa tartaro.

Gengive gonfie da gravidanza

Gengive gonfie possono verificarsi anche durante la gravidanza.

L’aumento di ormoni che il corpo produce durante la gravidanza può aumentare il flusso sanguigno nelle gengive e contemporaneamente riduce la capacità di combattere le infezioni.

L’aumento del sangue, che avviene in tutto il corpo, quando colpisce le gengive crea un rigonfiamento delle stesse, quindi si creano delle tasche gengivali nelle quali si deposita maggiormente la placca batterica. Questo avviene soprattutto sui denti anteriori.

Gli ormoni della gravidanza fanno sì che si abbassino le difese immunitarie, aprendo la porta ai batteri che formano la placca dentale.

Malnutrizione o cattiva alimentazione

Con malnutrizione, in relazione alle gengive gonfie, intendo una cattiva alimentazione calorico-proteica. In questi casi si verificano le carenze, relativamente alle esigenze di un individuo, della quantità di proteine, alimenti energetici o di entrambi.

Essere carenti di vitamine, in particolare le vitamine B e C, può causare gonfiore delle gengive. La vitamina C, ad esempio, svolge un ruolo importante nel mantenimento e nella riparazione di denti e gengive, mentre invece la vitamina B svolge un ruolo nel ricambio cellulare.

Infezione

Le infezioni causate da funghi e virus possono potenzialmente causare gengive gonfie. Possono essere infezioni causate da una scarsa igiene orale, da carie e tutto ciò che ostacola una pulizia ottimale della bocca come carie, grosse carie, denti non allineati. Mancanza di manualità nell’eseguire le corrette manovre di igiene orale, persone non autosufficienti.

Diabete

Nel diabete si ha una alterazione del circolo sanguineo che riguarda tutti i tessuti e quindi anche le gengive, il non controllare la glicemia nel sangue porta un danno al microcircolo qualora i livelli di zucchero nel sangue siano alti. Questo non controllo dello zucchero nel sangue porta un aumento anche a livello salivare che favorisce le infezioni batteriche e fungine, queste provocano tasche gengivali e quindi ad avere gengive gonfie. Le sacche che si producono in questo caso possono entrare nella corrente circolatoria, innescando problemi al cuore ed ai vasi sanguigni.

RIMEDI CONTRO LE GENGIVE GONFIE

Per prima cosa, per curare e ridurre subito il gonfiore delle gengive, sarà necessario intervenire con la detartrasi, un’operazione che prevede la completa eliminazione del tartaro dal solco gengivale, questo è importante sia per chi soffre di gengivite, sia per le donne in gravidanza.

In caso di malnutrizione è essenziale l’assunzione di cibi o integratori con elevato contenuto di vitamine B e C.

Per chi soffre di infezione dovute alle difficoltà a mantenere un’igiene orale corretta è consigliabile l’utilizzo dello spazzolino elettrico, in caso di denti storti, affollati o cariati risolvere il problema.

In caso di diabete è essenziale il controllo della glicemia nel sangue per evitare l’aggravamento della patologia.

Alcune operazioni vanno fatte in modo professionale, altre possono essere fatte autonomamente a casa.

Contattami così da poter provvedere all’eliminazione del tartaro calcificato, mi occuperò inoltre di spiegarti come mantenere le tue gengive nella normalità.